Cassa Depositi e Prestiti

Loading...

La Cassa Depositi e Prestiti nasce come Ente pubblico e diventa Società per Azioni il 12 dicembre 2003 grazie al Decreto Legge del 30 settembre 2003 numero 269: l'obiettivo di questa trasformazione è quello di dare maggiore autonomia alla società avvicinandola alla struttura dei fondi, sebbene il controllo del capitale sociale sia per il 70% del Ministero dell'Economia e delle Finanze, con il rimanente 30% è distribuito tra diverse Fondazioni bancarie.

L'attività della Cassa Depositi e Prestiti è organizzata tramite due rami di azienda:

  • il ramo della gestione separata, che si occupa del finanziamento degli investimenti dello Stato e degli Enti pubblici, come Regioni ed altri enti locali, utilizzando come fonte principale di finanziamento il risparmio postale;
  • il ramo della gestione ordinaria, che si occupa del finanziamento di infrastrutture destinate alla fornitura di servizi pubblici raccogliendo fondi tramite l'assunzione di finanziamenti e l'emissione di obbligazioni.

L'attività della Cassa Depositi e Prestiti è controllata da una Commissione Parlamentare di Vigilanza. Attualmente, oltre alla gestione del risparmio postale, ha importanti partecipazioni tra cui il 35% delle Poste,  il 30% di Snam, il 10% dell’Eni, il 30% di Terna, il 10,2% dell’Enel ed il 10,1% di ST Microelectronics.

La Cassa Depositi e Prestiti viene creata nel 1850 a Torino come Banca per la raccolta di depositi da privati cittadini. Nel 1857 grazie ad un Regio Decreto, la Cassa Depositi e Prestiti inizia l'attività di finanziamento agli Enti pubblici.

Nel 1863, con l'Unità d'Italia, la Cassa Depositi e Prestiti inizia ad incorporare le Casse analoghe presenti negli altri stati italiani, spostando la propria sede a Roma dopo essere stata Firenze.

Nel tempo, gli strumenti per la raccolta del risparmio si evolvono, cominciando a comprendere i libretto di risparmio postale nel 1875, le Cartelle (Titolo di Stato per il deficit degli Enti Pubblici Locali, precursori degli attuali BOT e CCT del Governo Centrale) nel 1896 ed i Buoni Fruttiferi Postali nel 1924.

In pratica, quello che fa capo alla Cassa Depositi e Prestiti è un sistema di raccolta e gestione del risparmio basato sulle Poste per il sistema pubblico analogo a quelli per la gestione di prestiti personali basati sul sistema bancario o altri mezzi di consulenza ed intermediazione finanziaria tramite conti correnti, fidi, mutui immobiliari.

Nel 1898 la Cassa Depositi e Prestiti trasforma la sua forma giuridica, passando da istituto bancario a una Direzione Generale del Ministero del Tesoro, per diventare poi autonoma con la Legge 197/83 del 1983 ed acquisire infine con la Legge 68/93 una propria Personalità giuridica. In attesa della sua privatizzazione e quotazione in Borsa, con l'incorporazione della società Infrastrutture S.p.A., creata nel 2002 dalla stessa Cassa Depositi e Prestiti per finanziare la realizzazione di grandi opere pubbliche ed infrastrutture, il 1° gennaio 2006 si ha l'ultimo cambiamento della struttura operativa dalla stessa Cassa Depositi e Prestiti.

Link: CassaDDPP

Copyright © CassaDepositiEPrestiti.it - Tutti i diritti riservati
Notizie a titolo informativo: si declina ogni responsabilità per danni derivanti da errori nelle informazioni pubblicate